consumatore 4.0 - Articolo blog medya

Il consumatore 4.0 nella nuova normalità

Negli ultimi anni la percezione dei centri commerciali è cambiata. Prima della pandemia gli shopping mall rappresentavano per alcuni un punto di riferimento che permetteva anche ai lavoratori più stakanovisti di fare acquisti nel weekend o dopo la giornata lavorativa. Altri invece consideravano i centri commerciali come luoghi di massificazione dello shopping e dell’esperienza d’acquisto. 

A prescindere dalla visione individualistica, oggi i centri commerciali sono luoghi di aggregazione delle comunità, luoghi in cui sperimentare le tecniche di retail marketing. Con i cambiamenti sociali ed economici in atto e con l’evolversi dei consumatori, anche i centri commerciali sono stati costretti a cambiare. Il Covid ha rappresentato sicuramente un acceleratore di questo processo di metamorfosi che ha visto l’affermazione del consumatore 4.0. Nei paragrafi che seguono interessanti approfondimenti su chi è il nuovo consumatore e sul futuro dei centri commerciali. 

 

L’evoluzione del consumatore

Fin dal suo avvento, il marketing ha supportato le aziende nel posizionamento sul mercato e le ha aiutate ad acquisire nuovi clienti e consumatori. Il cambiamento della cultura e le nuove modalità di accesso alle risorse informative ha influito sui processi di evoluzione del marketing e di conseguenza dei consumatori.

Il primo cambiamento che ha alterato, anche se in minima parte, i centri commerciali è stato quello avvenuto con l’ascesa dell’e-commerce. Lo shopping online ha portato i centri commerciali a proporre offerte non basate solo su ciò che è necessario ma su ciò che è desiderabile. E’ proprio con l’affermarsi dell’e-commerce che nasce il consumatore 4.0

 

L’identikit del consumatore 4.0

In passato il visitatore del centro commerciale si recava negli shopping mall per trascorrere del tempo e nel momento in cui era colpito da un prodotto procedeva con l’acquisto in store. 

Oggi le cose sono cambiate, complice anche la pandemia globale, e il percorso d’acquisto è molto più complesso ed articolato. Il consumatore 4.0 è infatti colui che prima di acquistare preferisce testare il prodotto. E’ un consumatore più informato e pratico che ha sviluppato un atteggiamento che lo spinge verso la volontà di affidarsi a brand che personalizzano il più possibile il messaggio pubblicitario.

 Nel libro AI Marketing, capire l’intelligenza artificiale per coglierne le opportunità, il nuovo consumatore viene descritto come segue:

  • Opinionista. Il 34% dei consumatori 4.0 ama recensire aziende e prodotti e condivide frequentemente le sue opinioni rispetto all’esperienza d’acquisto.
  • Esige autenticità. Il 75% dei consumatori non si fida delle pubblicità dei brand e ritiene che la maggior parte delle aziende non facciano pubblicità veritiere.
  • Segue dei rituali. Prima di acquistare il 70% dei consumatori consulta le recensioni e successivamente all’esperienza d’acquisto positiva, l’89% continuerà ad acquistare dallo stesso brand.

 

Il consumatore 4.0 nei centri commerciali

Il consumatore 4.0 è anche colui che popola i centri commerciali. Infatti, nonostante lo sviluppo crescente dello shopping online, il centro commerciale resta comunque il punto di riferimento per lo shopping degli italiani. 

Diverse ricerche hanno messo in luce che la maggior parte dei consumatori 4.0 frequentano gli shopping mall soprattutto per l’abbigliamento. Perchè ciò accade? La pandemia ha spinto le persone a voler recuperare il senso di condivisione e di esperienza che per troppi mesi è stato frenato dalle restrizioni messe in atto per tutelare la salute dei cittadini. All’interno degli shopping mall è possibile provare i capi, selezionare il modello più adatto, avere un’idea della qualità dei tessuti. Inoltre il consumatore 4.0 predilige lo shopping in store per gli aspetti relazionali e aggregativi che offre questa tipologia di acquisti. Il covid ha costretto tutti noi a vivere in maniera individuale e oggi più che mai c’è la necessità di condividere nuove esperienze. 

 

Il futuro dei consumatori (e degli shopping mall)

Appare evidente che le esigenze dei consumatori cambiano a seconda del periodo storico e dell’influenza della tecnologia nelle nostre vite e che la forza dei centri commerciali in questo preciso momento storico è dato dall’esperienza d’acquisto. Proprio per tale ragione sarà opportuno focalizzare l’attenzione sulla customer experience: proposte interattive per l’utente, messaggi pubblicitari personalizzati, percorsi d’acquisto multimediali. Per fare ciò i grandi centri commerciali possono sfruttare le potenzialità e le opportunità offerte dal digital signage e dal programmatic Out-Of-Home. In questa maniera sarà possibile dialogare con il consumatore 4.0 e sopravvivere alle nuove innovazioni ed evoluzioni culturali ed economiche del mercato.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

close
type characters to search...
close